Archive for the ‘feltro’ Category

Tilda snail, o meglio, niente di nuovo…

1 ottobre 2012

Il blog ne è invaso, quindi non ho fatto nulla di originale, non faccio mai nulla di originale:-(

Questo è il mio difetto, io riproduco, non riesco a mettere nulla di veramente mio in ciò che faccio. Ma mi diverto, e forse questa è la cosa più importante, divertirsi. Altrimenti che senso avrebbe. Così con alcuni avanzi di stoffa e pannolenci ho fatto queste lumachine. Non ricordo precisamente dove ho preso il pattern, ma non è difficile trovarne uno (lo potete trovare anche su youtube) che vi spiegherà passo passo come fare. Tra l’altro è facilissima da fare.

Non so se nei prossimi mesi avrò il tempo di scrivere due righe qui (tanto meno di cucire , uncinettare o ricamare qualcosa), credo di avervelo già detto, perchè a breve arriveranno i miei “uccellini”.

sweet bird

28 settembre 2012

In questi giorni di riposo, e di attesa, la macchina da cucire è fissa sulla scrivania dello studio ed i fili sono ovunque (compreso lo zerbino di casa, che va quotidianamente pulito). Io navigo, e scarico tutorial, e provo a fare cose che non ho mai fatto (vi potete immaginare quanti paciughi).

Da qui, www.sewlover.com, ho trovato il tutorial di uccellini, molto simili a quelli che ha fatto lei, Federica. Non sono gli stessi. Il suo modello  è stato preso da qui , ma lo shop è chiuso.

Questo sito invece è in giapponese (!!!!!), ma ha tante foto, che riescono a spiegare come si deve fare, così ci ho provato. Ne ho fatto uno grosso, ed uno piccino. Quello grosso non ve lo faccio nemmeno vedere (fa paura!!!), ma quello piccino sì. Eccolo. Che  ne farò??Nulla…Ma mi paiceva troppo.

solo per lei…

10 settembre 2012

Sì, questo tentativo è per LEI. Una bambola Tilda…Troppo piccola forse. Poco precisa sicuramente.

Vorrei provare a farne un’altra, ma prima devo fare qualcosa per LUI. Una cosina per ciascuno:-)

a proposito, i bavaglini li ho fatti. E forse non sono nemmeno male.Ma prima di fotografarli li vorrei stirare. Vediamo qunado riuscirò a tirar fuori il ferro da stiro…

svelato l’arcano…

6 settembre 2012


Ebbene sì, nel caso remoto in cui a qualcuno potesse interessare , sono pronta a giustificare la mia lunghissima assenza. Avete capito?
Pietro e Lavinia sono in arrivo. Chissà dove sono stati fino ad ora. Li abbiamo attesi così tanto…e non ci sembra vero.
Ma manca davvero poco. Pochissimo.
Ho passato una bellissima estate, lontana dall’afa e dalla calura che sembra aver attanagliato tutta L’Italia. Un mese al mare in Liguria(ebbene sì, non in montagna) , lunghe passeggiate al mattino presto, quando il mare è pulito e liscio come l’olio e in spiaggia ci sono solo bambini, letture sotto l’ombrellone, talvolta con un pareo addosso (ve lo giuro, c’era vento!!!!), bagni lunghi lunghi, nuove amicizie. Poi una settimana in un agriturismo alle porte di Roma, dove al mattino partivamo per piccole escursioni (S.Oreste, Calcata, Trevignano sul lago di Bracciano, l’abbazia spelndida di Farfa), e nel pomeriggio si rientrava per buttarsi in piscina,leggere un buon libro e poi cenare nell’agriturismo, e conoscere Renata, non la proprietaria, ma una simpaticissima cameriera. Poi di nuovo al mare, ma non in Liguria, a Marina di San Nicola, a nord di Roma a casa di amici.
Ora casa,l’afa non c’è. Così tento di dedicarmi-mal di schiena permettendo-alle ultime cosine. Di cose in realtà ne ho fatte diverse, ma è inutile oramai vi dica non riesco a fotografarle e postarle.
Anche le foto dei bellissimi posti che ho visto quest’estate sono state scattate con il telefono. LA mia reflex giace nell’armadio.Troppo pesante da portarsi dietro:-(

Ma prima di farvi vedere due foto dei posti in cui sono stata, volevo farvi vedere due maglioncini che ho fatto per i due tipini in arrivo:-)

 

Questo per Lavinia…..

 

Questo per Pietro

Il modello semplice e superveloce l’ho preso da un sito fantastico che seguo da un pò www.lamagliadimarica.com, per la precisione qui:http://lamagliadimarica.com/2011/02/06/giacca-cappuccio/

la festa è finita..

6 gennaio 2012

Beh, devo dire che oggi mi sento un pò come mi sentivo l’ultimo giorno di vacanza ai tempi del liceo, quando alle sei del pomeriggio indossavo già il pigiama, con quella tristezza lieve, che sanciva la fine definitiva delle feste e  preannunciava l’inizio della scuola. Non che non ci andassi volentieri a scuola, questo no, però la tristezza c’era. Ed oggi mi sento un pò così, anche se manca almeno un giorno alla domenica e al rientro al lavoro.(La domenica comunque non mi è mai piaciuta, è un giorno che non sa di nulla, non è propositivo, è giorno triste, mentre beh, il sabato propositivo lo è eccome). Ed in più c’è l’lbero di Natale da sfare, e le decorazioni.

Ma lasciamo perdere queste inutili e malinconiche divagazioni.

Vi mostro altri regalini di Natale.

Un cappellino fatto all’uncinetto con un fiorellino lavorato invece a maglia:

Una decorazione in feltro

un porta passaporto

Sì, le foto sono davvero MERAVIGLIOSEEEEEEE! Ma chi ha il tempo di tirare fuori la reflex, il cavalletto e creare un “set” decente per lo scatto???

regali home made (part II)

31 dicembre 2011

Il Natale è passato, il pacco è arrivato ( finalmente) , il reclamo è stato presentato. Posso farvi vedere altri dei regalini che ho fatto;-)

Un vassoio.

un sacchetto di speculoos..

un gingerbreadmen in feltro…

ed ecco qua!

inutile dirvi che le foto sono state scattate con il cellulare:-(

Questi invece sono alcuni di quelli che ho fatto io! Sì, l’altra di questo blog.Il pezzo aggiunto.

Li ho fatti per mia nipote

 

 

 

 

Little xmas tree e dolcetti

16 dicembre 2011

…siccome a noi piace avere un albero in ogni stanza della casa, quest’anno oltre a rispolverare le decorazioni degli anni precedenti, ho fatto questi.

Ho cucito tre semplici triangoli di pannolenci, sui  quali ho “spalmato” della colla glitterata.

Il tronco è…una matita, glitterata anch’essa.

Ho messo della sabbia nei secchielli e ci ho infilato l’alberello ( che ho fissato meglio facendo colare nel buco un po’ di colla a caldo.

E poi ecco  questi dolcetti: li ho fatti con pannolenci, stoffa, perline e perlone ( la ciliegia sul dolce più grande arriva da una vecchia collana).

Troneggiano sul tavolo della cucina, mia nipote adora giocarci ( e seminarli ovunque…).

Orecchini all’uncinetto e spilla in feltro

12 dicembre 2011

image

image

image

Piccoli regali di Natale. Molto piccoli. Un paio di orecchini lavorati all’uncinetto-che in realtà saranno un pensiero per  un compleanno-ed una spilla di feltro che andrà ad impreziosire una sciarpa .
Niente di che:-)

E’ Babbo Natale?

25 novembre 2011

Oramai la mia macchina fotografica non la tiro nemmeno fuori, scatto direttamente con il cellulare e via, perchè almeno così qualcosa posto e faccio vedere. Certo , dovrei cambiare la mia presentazione, o per lo meno solo la parte in cui mi descrivo come una che ama la fotografia…che figuracce!!! Le foto sono vergognose, e questa, lo giuro, è l’ultima volta che ve lo dico:-)

Dunque, in realtà ultimamente sferruzzo di brutto (poi vi farò vedere) : non ho una stanza in cui posso “lasciare” la macchina da cucire ed usarla al volo, no, mi tocca tirarla fuori e lavorare sul tavolo della sala. I ferri invece,beh, sono lì e sferruzzare sul divano con lo stereo acceso o mentre il marito guarda quel poco che c’è in tv, beh è rilassante ( e non rompo nemmeno le scatole)

Però è anche vero che non posso resistere a tutte le stoffine e pannolenci che ho accuratamente riposto nelle scatole all’interno di un armadio….così ecco quello che è uscito qualche giorno fa tenendo tra le mani uno dei libretti Tilda acquistati la scorsa estate. Ebbene ditemi che ve ne pare? Che vi sembra? Babbo Natale o folletto?

In realtà ho scelto questo perchè secondo me , terminate le feste non deve essere necessariamente riposto in uno scatolone e tirato fuori l’anno seguente:-).

Non è il solito Babbo Natale?

hobby show-Roma

19 ottobre 2011

 

Quest’anno ce l’ ho fatta. Incredibile. Sono spessissimo a Roma, ma il fine settimana dell’ Hobby Show  o in cui ci sono stati eventi simili, me l’ero sempre perso, per un motivo o per l’altro eravamo altrove, non che avessimo altri impegni, eravamo proprio a 400 km di distanza!!! Quest’anno invece eravamo a casa, ed io l’occasione di andare a dare un’occhiatina non me la sono certo persa! E devo dire ne è valsa la pena.

Non ho potuto fare nessun corso- e ce n’erano moltissimi- perchè il maritino era con me (povero..nemmeno una sedia c’era..) ed è stato fin troppo paziente, ma alla prossima occasione giuro che qualcosa faccio v(chissà che non riesca ad andare a Genova a  Fantasy e Hobby).

C’era di tutto. Non saprei da dove cominciare. Non ho fatto foto se non alle torte di Miss Cake ( e con il cellulare), ma che ne dite?

Carine vero? Mi sarebbe piaciuto. Son giusto stata ad un matrimonio settimane fa e la torta era proprio simile alla seconda che vedete qui: ho scoperto però in questa occasione che la glassa  non si mangia!!  E’ stata tolta e se ne è mangiato solo l’interno: un delizioso pan di spagna delicatamente farcito..

Ma passiamo oltre. Tante le cose che mi sarebbero piaciute.Troppe!!! Non potendo fare alcunchè però e dovendo amortizzare il biglietto di entrata, anzi I BIGLIETTI D?ENTRATA , ho fatto qualche acquisto: primo fra tutti il tappettino che tanto desideravo, poi una perforatrice , un clic clac (vi giuro che non so come si chiama) per un borsellino, stoffe, nastrini, cuoricini in feltro e ben tre borse di feltro (una marrone, una verde ed una rossa) che dovrò abbellire in qualche modo.

Ecco qui le foto di alcune delle cose che ho comprato:-)

 

sì, perdonatemi, anche queste fatte con il cellulare 😦