Archive for the ‘bambole’ Category

delle volte capita che…

26 marzo 2014

Delle volte capita che incontri qualcuno, così sulla spiaggia, e ci scambi due parole, e poi ti scambi anche il numero di telefono. Poi la vacanza finisce ed ognuno torna a casa sua, ma ci si sente, ci si mandano messaggi, immagini,  mail, e si finisce per condividere pezzetti di vita,  si scoprono interessi comuni, ci si telefona, ci si manda un regalino per Natale e si diventa amici. Sì, AMICI. Tanto che nonostante i 600 km e passa di distanza, ci si vede….

Tiziana e Roberto sono venuti a trovarci. E già questo è stato un regalo enorme, un bellissimo regalo. La nostra amicizia mi gonfia il cuore, perché posso dire che ancora ci sono belle persone, che fare nuove amicizie non è impossibile, e che il tempo passa e che questo tempo può ancora essere riempito da persone belle. Come loro due.

Sono venuti, pochi giorni purtroppo,  ma sono stati con noi, con i bimbi.E ci hanno fatto altri regali. Roberto mi ha regalato un cd del suo gruppo preferito, i Nomadi, che mai mi ero fermata ad ascoltare ma che stamani ho addirittura ballato con la mia nana (a casa per influenza) e mi ha masterizzato un film che spero di vedere al più presto; Tiziana un  paio di bellissimi orecchini a chiacchierino. E per i bimbi due giochi e due bambole stupende, interamente fatte a mano.Da Tiziana naturalmente. Eccole, le ho fotografate, non come avrei voluto. Se mi fossi messa  ad aspettare il momento buono, la luce buona e a creare il set fotografico non avrei fotografato proprio nulla, quindi sono qui.

IMG_0982

 

IMG_0981

bambola per Pietro

bambola per Pietro

IMG_0979

 

 

 

 

IMG_0986

 

solo per lui…

17 settembre 2012

E questo è per lui… un angioletto della buona notte…

solo per lei…

10 settembre 2012

Sì, questo tentativo è per LEI. Una bambola Tilda…Troppo piccola forse. Poco precisa sicuramente.

Vorrei provare a farne un’altra, ma prima devo fare qualcosa per LUI. Una cosina per ciascuno:-)

a proposito, i bavaglini li ho fatti. E forse non sono nemmeno male.Ma prima di fotografarli li vorrei stirare. Vediamo qunado riuscirò a tirar fuori il ferro da stiro…

regali home made (part II)

31 dicembre 2011

Il Natale è passato, il pacco è arrivato ( finalmente) , il reclamo è stato presentato. Posso farvi vedere altri dei regalini che ho fatto;-)

Un vassoio.

un sacchetto di speculoos..

un gingerbreadmen in feltro…

ed ecco qua!

inutile dirvi che le foto sono state scattate con il cellulare:-(

Questi invece sono alcuni di quelli che ho fatto io! Sì, l’altra di questo blog.Il pezzo aggiunto.

Li ho fatti per mia nipote

 

 

 

 

E’ Babbo Natale?

25 novembre 2011

Oramai la mia macchina fotografica non la tiro nemmeno fuori, scatto direttamente con il cellulare e via, perchè almeno così qualcosa posto e faccio vedere. Certo , dovrei cambiare la mia presentazione, o per lo meno solo la parte in cui mi descrivo come una che ama la fotografia…che figuracce!!! Le foto sono vergognose, e questa, lo giuro, è l’ultima volta che ve lo dico:-)

Dunque, in realtà ultimamente sferruzzo di brutto (poi vi farò vedere) : non ho una stanza in cui posso “lasciare” la macchina da cucire ed usarla al volo, no, mi tocca tirarla fuori e lavorare sul tavolo della sala. I ferri invece,beh, sono lì e sferruzzare sul divano con lo stereo acceso o mentre il marito guarda quel poco che c’è in tv, beh è rilassante ( e non rompo nemmeno le scatole)

Però è anche vero che non posso resistere a tutte le stoffine e pannolenci che ho accuratamente riposto nelle scatole all’interno di un armadio….così ecco quello che è uscito qualche giorno fa tenendo tra le mani uno dei libretti Tilda acquistati la scorsa estate. Ebbene ditemi che ve ne pare? Che vi sembra? Babbo Natale o folletto?

In realtà ho scelto questo perchè secondo me , terminate le feste non deve essere necessariamente riposto in uno scatolone e tirato fuori l’anno seguente:-).

Non è il solito Babbo Natale?

Il Giappone a casa mia

23 ottobre 2011

Adoro il Giappone, nonostante non ci sia mai stata, però qualcosa di giapponese ce l’ho.

Le tradizionali infradito di legno ( pagate un bel po’ in un negozio etnico) e le kokeshi, le tipiche bambole senza arti, fatte a mano di solito; ne ho solo 5, tre le ho comprate da un amico che ha un banchetto di cose provenienti da tutto il mondo ( beato lui che durante l’inverno gira il globo…), le altre due mi son state regalate ( una da un amico che in Giappone ormai ci vive da una vita, l’altra dall’amico dell’amico nonché mio amico andato a Tokyo in visita dall’amico, siamo tutti amici).

Così, dato che il mio corridoio è un po’ stretto e non certo luminoso ( e lo si può ben capire dalla foto), ho pensato di decorare il muro in questo modo.

Ho fatto un semplice stencil col cartoncino, aiutandomi – per le forme tondeggianti- con un 33 giri e dei plettri, ho tamponato il colore e in alcuni punti sono andata a mano libera.

La foto è quel che è purtroppo

La scritta nel mezzo non so assolutamente che significhi, l’ho copiata da una delle scatole contenenti una delle kokeshi, presumo sia il nome della bambola.

Gli zoccoli, comodi ma un po’ chiassosi…lo sgorbietto in mezzo è una kokeshi che ho cucito a mano, riciclando stoffe che altrimenti avrei buttato e perline sparse ( infilzate con semplici spilli)

altro giro altra bambolina!!

31 gennaio 2011

Altro giro altra bambolina!! Anzi, altre bamboline.

Sono entrata in un loop. E mentre mi rendo ben conto necessiterei di un cavalletto per fare delle foto, posto queste.

Cena da coppia di amici: che porto? Ma due bamboline naturalmente! Hanno due bimbe piccole, magari gli piaceranno. Così passo la sera prima davanti alla macchina da cucire, sul tavolo della cucina, a tagliare pannolenci e stoffine. Questo il risultato e le bimbe hanno apprezzato.

Mi è presa così, mentre i lavori a maglia li porto a termine con fatica, beh, il cucito così, di cose piccole e immediate, mi dà maggiori soddisfazioni . Sto facendo un incrociatino ai ferri ma accidenti, l’ho fatto e rifatto non so quante volte!!!! Di queste invece che ne dite?