Torta alla vaniglia del Madagascar ripiena di mele

Ieri- lunedì-ero  già terribilmente stanca. La settimana è appena cominciata  ed io sono priva di energie..sarà stata la nottata insonne a causa del maltempo (tra domenica e lunedì  i lampi hanno illuminato a giorno la casa  ed i tuoni erano tamente forti e vicini che  facevano vibrare le pareti ed il letto, mi hanno fatta sussultare e tirare involontariamente un calcio al marito, che già imbestialito imprecava la perdita delle ore di sonno, causandomi poi nelle ore successive una ridarella inconsueta e terribile, un po’  da demente , al ricordo del salto fatto nel letto, e del mio scuotimento con il consuguente calcio suddetto ), sarà stato il treno all’alba e la metropolitana allagata e la conseguente necessaria ricerca di un taxi , col terrore di perdere il treno appunto, sarà il viaggio  e la ripresa del lavoro a tempo pienissimo, sarà la fine dell’estate ,sarà il calo delle temperature sarà così sarà cosà, fatto sta che  ero e sono un po’ down. Così anziché passare la serata sbracata sul divano col telecomando in mano a non guardare il nulla , ho deciso di provare una torta di mele. Perchè ho voglia di torta di mele e che la casa ne assorba tutto il profumo, ora che alle 8 di sera è già buio… Se in casa ci sarà profumo di torta di mele penso quasi che forse potrei essere meno triste, ed allora ecco, io ci provo. Certo  potrei andarmene a letto, con un buon libro e tentare di dormire sforzandomi così  di affrontare il giorno a venire in modo diverso,ma prima no, cuciniamo qualcosa.

La ricetta è presa da un libretto (” Il quaderno dei dolci di mele“, a cura di Elisebetta Triveron)  : mi sono fatta incantare dalla copertina un po’ retrò, dal titolo monografico e dal fatto che aprendolo la prima ricetta apparsa è stata quella delle mele stregate (che tra l’altro poi non ho nemmeno  mai gradito, mah….). Ad ogni modo ha funzionato! Ieri sera sono andata a letto presto , perchè alla fine questa torta soffice di mele è velocissima (talmente veloce che ieri sera ho trovato il tempo di preparare le olive in crosta , cotte poi questa mattina) e davvero buona. E ieri la casa profumava ben bene, accendere il forno mi ha fatto quasi piacere, facendo qui addirittura un pò freddino e stamani fare colazione con questa torta è stata una vera goduria!!!

Riporto qui la ricetta, per una tortina piccina. Il marito non c’è ed io ho modificato le dosi.

Ingredienti

150 gr di farina

75 gr di burro a temperatura ambiente

latte q.b.

75 gr di zucchero

2 uova

2 mele

1/2 bustina di lievito per dolci

vaniglia del Madagascar

un pizzico di sale

Mescolare le uova con lo zucchero, aggiungere il burro, poi la farina setacciata con il lievito, un cucchiaino di vaniglia, un pizzico di sale ed il latte: mescolare finchè non avrete ottenuto un impasto liscio e fluido.

Sbucciare le mele e tagliarle a dadini.

Versare metà del composto sulla tortiera dopodichè distribuire le mele al centro (io ne ho messe solo due, perchè mi sembravano troppe…in realtà secondo me una in più ci sarebbe stata benissimo, l’impasto lievita molto, e le mele affondano), poi ricoprire con l’impasto rimanente . Infornare a 180° gradi e cuocere per circa un’ora (io l’ho tolta dopo 50 minuti ed andava benissimo).

Annunci

Una Risposta to “Torta alla vaniglia del Madagascar ripiena di mele”

  1. TartarugaTabagista Says:

    anche io la faccio così ( quando posso aggiungo un goccino ino ino di marsala, ma proprio una lacrima) e le mele le metto a dadini, così la torta viene più “spugnosa” ( come dice Filippo).
    e poi si, il profumo che lascia a casa sa tanto di colazione a casa dei nonni; anche io domenica sera avevo voglia di cucinare ( nonostante la schiena a pezzi e un mal di testa lancinante) e ho fatto un polpettone ( nel quale devo mettere le erbette per arrosto e niente aglio, altrimenti lo gnomo non lo mangia) ed una torta salata ( pasta sfoglia, ripiento di ricotta – ricotta lavorata con uova, parmigiano, sale, pepe, noce moscata, prosciutto cotto sminuzzato); già che c’ero ho fatto anche le patate al forno.
    anzi, visto che me ne è venuta voglia, vado a googolare per trovare qualche altra ricetta di ciambelloni e dolci da colazione.

    ( comunque se non riuscite a dormire provate la melatonina crono, flaconcino da 30 pasticchine, una mezz’ora prima di andare a dormire. con me ha funzionato)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: